Cookies


Crafting a more human future
 
La Michelangelo Foundation for Creativity and Craftsmanship, presenta il primo 
grande evento culturale dedicato ai mestieri d’arte in Europa, che avrà luogo a Venezia a
settembre del 2018.

Homo Faber si dipanerà attraverso il complesso di spazi espositivi della Fondazione Giorgio Cini, noto polo culturale internazionale, che comprende una serie di edifici di particolare rilevanza storica e architettonica, e si svilupperà lungo unsuggestivo ed affascinante percorso. Con le sue raffinate opere e innovative installazioni, l’esposizione occuperà gallerie, biblioteche, chiostri e l’ex piscina, alternando raffinati oggetti e artigiani, intenti a realizzare le loro creazioni dal vivo. Coprendo una superficie di ben 4.000 metri quadri,

Homo Faber sarà la più grande mostra mai realizzata presso la Fondazione Giorgio Cini e  
offrirà ai visitatori, l’opportunità di accedere a spazi che normalmente non sono aperti al pubblico. 
Concepito da un selezionatissimo team di progettisti, curatori e architetti di fama mondiale, Homo
Faber si pone l’obiettivo di porre sotto i riflettori, il meglio della produzione artigianale europea,
offrendo ai visitatori un’esperienza unica e memorabile. Homo Faber si avvale della collaborazione di una squadra d’eccezione, che annovera personalità di spicco quali Michele De Lucchi, Stefano
Boeri, India Mahdavi, Judith Clark, Jean Blanchaert e Stefano Micelli, i quali infonderanno alla
mostra una straordinaria creatività ed energia. All’organizzazione collaborano i partner della
Michelangelo Foundation che ne condividono la visione: la Fondation Bettencourt Schueller, il
Triennale Design Museum e la Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte.
 
L’esposizione presenterà un’ampia selezione di materiali e discipline, dal gioiello alle biciclette su
misura, dalle competenze artigiane che stanno scomparendo ad alcuni degli esempi più
rappresentativi dei mestieri d’arte a livello europeo.

L’appassionata fede nel potere e nel valore del più puro impegno dell’uomo, alimenta Homo Faber.
L’esposizione è pensata come un’esperienza coinvolgente: il pubblico potrà parlare agli artigiani,
entrare virtualmente nelle botteghe dei maestri, osservare i restauratori all’opera, immergendosi
così nel mondo dell’eccellenza artigiana. Un mondo che si fonda sulla connessione tra mano, testa 
e cuore, per creare opere autentiche il cui valore si perpetua nel tempo. 

«Per questa manifestazione abbiamo scelto Venezia, baluardo di cultura, di arte e di eccellenze
artigiane, nonché luogo di impareggiabile bellezza», spiega Franco Cologni, co-fondatore della
Michelangelo Foundation. «Venezia continua a essere, oggi come in tutto il corso della sua storia,
un centro nevralgico di scambi e connessioni». L’evento si terrà in concomitanza con la Biennale di
Architettura di Venezia, offrendo così a influencer e tastemaker internazionali un originale e
stimolante punto di vista sui mestieri d’arte e la creatività. 

«L’espressione Homo Faber, originariamente coniata nel Rinascimento, coglie ed esalta
l’incommensurabile creatività dell’uomo», afferma Johann Rupert, co-fondatore della
Michelangelo Foundation. «L’esposizione fornirà una panoramica sul meglio dei mestieri d’arte
europei, e al tempo stesso porrà l’accento su un aspetto meno evidente: quello che gli esseri umani
sanno fare meglio delle macchine».
 

 


facebook-logotwitter civita tre veneziesocial-civita 06



Powered by 42bit srl

Progetti finanziati con Vai al dettaglio